Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Daniela Ventrelli

Responsabile del progetto.
Dopo una laurea in lettere classiche conseguita con lode e dignità di stampa, presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, concentra i suoi studi sul Museo Nazionale Jatta di Ruvo di Puglia riuscendo, già nel 2004, a pubblicare il suo lavoro di tesi sperimentale “Le Terrecotte Figurate della Collezione Jatta” (Edipuglia, collana Adrias, vol. 8, Bari).

Nel 2006, si specializza col massimo dei voti in Archeologia Classica presso la Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università degli Studi di Bari.

Nel 2010 termina il percorso di dottorato, conseguendo il titolo Dottore di Ricerca in Storia Antica, con una tesi in Epigrafia Greca.

Nel 2011 è borsista vincitrice del Concorso internazionale “Research in Paris” (Ville de Paris) presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, Paris I, Pantheon Sorbonne, laboratoire ANHIMA UMR 8210 (diretto dalla Prof.ssa Violaine Sebillotte Cuchet), dove per 18 mesi svolgerà un post-dottorato con ricerche focalizzate sulle iscrizioni in greco su matrici di terrecotte tarantine e sui vasi della collezione archeologica Jatta-Bonelli di Ruvo di Puglia.

Attualmente lavora nel dipartimento parigino ANHIMA-UMR 8210 (CNRS, Pari I- EHESS, EPHE, PARIS 7 Diderot), come ricercatrice in CDD, essendo recente vincitrice del prestigioso concorso Emergence(s) de la Ville de Paris, con il suo progetto quadriennale “Rubi Antiqua”, in collaborazione con il programma di ricerca Louvre/INHA “Répertoire des ventes d’antiques à Paris au XIX siècle”, il Museo del Petit Palais, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo Archeologico Nazionale di Ruvo di Puglia, l’INHA (Istituto Nazionale di Storia dell’Arte di Parigi), il C2RMN (Centro di ricerca e di Restauro dei Musei di Francia), l’Università degli Studi di Bari e l’Università degli Studi di Milano.

d.ventrelli@rubiantiqua.eu

Néguine Mathieux

N-Mathieux 4Dopo essere stata responsabile aggiunta del Centro di Studi e di Documentazione del Dipartimento delle Antichità greche, etrusche e romane del Museo del Louvre (in particolare responsabile degli archivi), oggi è capo del Servizio di Storia del Louvre. Insieme al CNRS (UMR Halma-Ipel 8164) e docente all’Ecole du Louvre, è stata commissario di varie esposizioni (Tanagra, Figures féminines de l’Antiquité, Tokyo, 2007 e La lettre et l’argile, Autour d’une semaine de fouilles à Myrina, Louvre, titolo di un saggio pubblicato per le “Presses universitaires” de Dijon nel 2008).

I suoi lavori di ricerca e pubblicazioni si concentrano essenzialmente sulle terrecotte greche e romane e sulla storia delle collezioni di antichità. Ha trattato lungamente il tema del collezionismo delle tanagrine nel XIX secolo e delle falsificazioni di reperti antichi. Ha anche partecipato al Dictionnaire critique des historiens de l’art dell’INHA e agli studi svolti sulle collezioni archeologiche di Ingres (2006) e di Rodin (2013). È responsabile con Martine Denoyelle del programma INHA/Louvre “Répertoire des ventes d’antiques à Paris au XIX siécle”.

Nell’equipe Rubi Antiqua si occupa principalmente dello studio della dispersione a Parigi delle opere provenienti da Ruvo, tramite le vendite all’asta e i mercanti, e del loro ingresso nelle collezioni pubbliche francesi.

Florence Le Bars-Tosi

Dopo un percorso universitario effettuato contemporaneamente presso l’Università Sorbonne-Paris IV e l’Ecole du Louvre, è attualmente dottore di ricerca in archeologia e storia dell’arte antica. Insegna iconografia romana all’università Paris Ouest La Défense e archeologia greca all’Ecole du Louvre.
La sua tesi di dottorato “I Francesi e l’archeologia nel Regno di Napoli durante il Decennio francese (1806-1815): l’esempio delle scoperte di ceramica antica”, è stata diretta dalla Prof.ssa Agnès Rouveret e dal Prof. Carlo Gasparri, in co-tutela con l’Università di Parigi Ouest La Défense e Federico II di Napoli.
Per il progetto Rubi antiqua, si occupa della ricerca storica negli archivi italiani in merito alle scoperte di vasi antichi nella regione di Ruvo, durante la prima metà dell’800.

f.lebars@rubiantiqua.eu

Andrea Milanese

Conservatore presso la Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei, per la quale dirige gli Archivi storici del Museo Nazionale di Napoli, importante raccolta di documenti e disegni dei ‘700 e ‘800. Ha partecipato ai lavori di vari convegni in Italia, in Europa e negli Stati Uniti. A. Milanese sviluppa da diversi anni un’attività di ricerca centrata sulla storia dei musei, del collezionismo e del mercato dell’arte e delle antichità nel XIX secolo. È inoltre l’autore di varie pubblicazioni su questi argomenti tra cui: Album Museo. Immagini fotografiche ottocentesche del Museo Nazionale di Napoli, Napoli, Electa, 2009.

Partecipa al progetto “Rubi Antiqua” come esperto di storia del collezionismo in Italia meridionale nel XIX secolo, e del mercato napoletano d’arte e d’antichità. Avendo già lavorato sulle esportazioni di oggetti archeologici dal Regno delle Due Sicilie verso il resto dell’Europa, conosce bene gli stretti legami tra i mercanti napoletani e i principali collezionisti e musei europei, particolarmente attivi nella prima metà dell’Ottocento sulla scena del mercato di antichità di Napoli e di altre città del regno, come Nola e Ruvo. Come ricercatore e come direttore degli Archivi storici del Museo Nazionale di Napoli, porta nell’equipe la sua grande competenza sulle ricerche in archivio e la sua conoscenza dei principali fondi archivistici privati e pubblici di Napoli.

a.milanese@rubiantiqua.eu

Carmela Battista

carmelabattista

Laureata con Lode in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, ha conseguito un Master Post-Laurea in Management dei Beni Culturali al Palazzo Spinelli di Firenze. Attualmente impegnata in un dottorato in Storia e Archeologia all’Université Libre de Bruxelles, in co-tutela con l’Università di Bari, la sua ricerca mira a realizzare uno studio codicologico, paleografico, storico e artistico dell’Exultet della Bibliothèque Nationale di Parigi (Ms. Lat. 710).

Nell’équipe Rubi antiqua si occupa delle relazioni istituzionali con i mecenati, pubblici e privati, che sostengono il progetto, e porterà avanti alcune ricerche negli archivi italiani.

c.battista@rubiantiqua.eu

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Sara Rania

Rubiantiqua_SaraRania
Redattrice Web Senior, esperta in comunicazione online. Nel corso della sua formazione eterogenea acquistano particolare rilievo una laurea triennale in filosofia dell’Arte (all’Università degli Studi di Napoli Federico II) e una laurea specialistica in Teoria e Metodi della Comunicazione con tesi in Editoria Multimediale, conseguita all’Università Statale di Milano, nel  2012. Due percorsi uniti da un fruttuoso soggiorno Erasmus alla Sorbona, nel 2010.

Pubblicista dal 2014, si è trasferita a Parigi nel 2010 e si occupa da anni di articoli di attualità, politica, cultura, arte e moda. Corrispondente per diverse webzine italiane e francesi, anima nutrite community di lifestyle, musica e gastronomia italiana. “Niente di ciò che è scritto le è estraneo”, come sottolinea il suo motto “pensate appassionatamente e strategicamente agite”. Nella primavera 2017 ha pubblicato il primo volume della guida ebook “Parigi da Scoprire”.

Da marzo 2016 si occupa della comunicazione web e social del progetto Rubi antiqua. In tale ottica ha creato la pagina facebook Rubi antiqua e il profilo linkedin dedicato. Per tenervi sempre aggiornati sulle attività dell’équipe guidata da Daniela Ventrelli, incrementa e supervisiona la produzione dei contenuti presenti sul sito ufficiale di Rubi antiqua

s.rania@rubiantiqua.eu

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Louise Detrez

Laureata in filologia classica (Sorbonne-Paris IV) e specializzata in storia dell’arte applicata alle collezioni (Ecole du Louvre), è vincitrice del concorso del patrimonio (Stato, musei).

Oggi è allieva conservatrice presso l’INP (istituto Nazionale del Patrimonio).

Durante il progetto “Rubi Antiqua”, si interesserà all’interesse che i reperti antichi scoperti a Ruvo nel corso del XIX secolo hanno suscitato sul mercato francese.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.